Il ministro dell’Istruzione Heinz Faßmann ha annunciato oggi che nei prossimi mesi sarà sviluppato un pacchetto «pedagogia».

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Commenti

Registrati

Connettiti con facebook

»

Ministro dell’Istruzione Heinz Faßmann

ha annunciato oggi che nei prossimi mesi sarà sviluppato un pacchetto «pedagogia».

I cambiamenti non saranno troppo drastici. «La demolizione e la nuova costruzione sono fuori questione per me, la ristrutturazione e l’ammodernamento in aree selezionate lo sono molto», ha detto Faßmann in una conferenza stampa mercoledì. Ad esempio, attualmente non ci sono piani per modificare i requisiti legali per il passaggio dalla scuola elementare alla scuola secondaria (il criterio decisivo per questo sono i voti della scuola elementare, ndr). Tuttavia, nel terzo anno scolastico dovrebbero esserci dei «talent check» vincolanti, i cui risultati vengono discussi con i genitori — come «supporto» per l’ulteriore scelta del percorso educativo. Lo stesso è poi previsto per la seconda media.

© APA / Rainer Waxmann

L’attuale scala di valutazione in sette parti deve essere rivista nell’NMS. Alla fine potrebbero esserci due livelli di valutazione, ciascuno con scale di valutazione in cinque parti dal settimo grado (standard o standard AHS). Inoltre, dovrebbe anche essere possibile istituire «gruppi di sviluppo» in tedesco, matematica e prima lingua straniera vivente dalla seconda media in poi. Tuttavia, non dovrebbero esserci gruppi di prestazioni coerenti e dovrebbe essere molto facile passare da un gruppo all’altro,

Solo in questo anno scolastico verranno distribuite nell’NMS le sei ore aggiuntive per lo più utilizzate per l’insegnamento di gruppo. Dal 2019/20 questo non sarà più scolpito nella pietra, ha sottolineato Faßmann. In futuro dovrebbe esserci «un livello più basso di finanziamento dell’annaffiatoio». Le direzioni dell’istruzione dovrebbero aiutare con l’effettiva distribuzione. «Non ci può essere sempre solo denaro federale», ha chiesto la ridistribuzione all’interno degli stati.

Classificazione «capitolo sensibile»

Anche l’iscrizione alla scuola elementare deve essere standardizzata in tutta l’Austria. Al momento, l’attestazione della preparazione scolastica è molto diversa a seconda dello stato federale: in Stiria, solo l’uno per cento circa dei bambini entra in una classe prescolare a causa di una preparazione scolastica insufficiente, nel Vorarlberg è del 20 per cento ea Salisburgo fino al 24 per cento.slim4vit tiroide Il ministero vuole quindi sviluppare un catalogo chiaro di «competenze precursori scolastiche» e metterlo a disposizione dei direttori. In modo sistematico, tuttavia, non cambia nulla: i bambini non pronti per la scuola dovrebbero continuare a frequentare le classi prescolari.

Dovrebbe esserci un «ampio processo di discussione» sull’argomento della valutazione, specialmente nella scuola elementare — un «capitolo delicato» per Faßmann. Quando si tratta della controversa questione dei voti in cifre rispetto alla valutazione verbale, «il meglio dei due mondi» dovrebbe essere combinato, secondo Klemens Riegler, project manager presso il ministero. Il risultato finale potrebbe essere un «miglioramento della valutazione numerica mantenendo la valutazione verbale». L’ordinanza sulla valutazione delle prestazioni del 1974 dovrebbe generalmente essere esaminata.

Infine, anche i curricula dovrebbero essere rivisti e riempiti con nuovi contenuti. In molti casi, i curricula delle materie non corrisponderebbero più allo stato attuale della disciplina o della didattica della materia. «Nel frattempo, i libri di testo stanno sostituendo il curriculum come orientamento pratico per i pedagoghi», afferma Riegler. Ciò non potrebbe essere nell’interesse del legislatore.

Critiche dell’opposizione al «pacchetto di annunci»

La critica degli ultimi piani del ministro dell’Istruzione Faßmann viene dall’opposizione: all’inizio dei cambiamenti nella preparazione scolastica, nei voti, nella nuova scuola media (NMS), nei curricula e nel passaggio dalla scuola elementare alla AHS / NMS o da lì alle scuole secondarie, agire si tratta di un «pacchetto di annunci», secondo Sonja Hammerschmid, portavoce dell’SPÖ per l’istruzione.

«Ovviamente, devono essere usati piani vaghi per distogliere l’attenzione dalle massicce e ampie critiche delle classi tedesche», ha suggerito Hammerschmid in una trasmissione. Il boss del club NEOS Matthias Strolz era ugualmente irritato. «Piccoli annunci nuovi e vaghi, attenta considerazione, attività zelante — oggi non si è sentito più nulla dal ministro dell’Istruzione». Dà l’impressione «come se il ministro dell’Istruzione volesse coprire le vere sfide con un’attività zelante. Onorare i progetti di ristrutturazione — ma se sai che le fondamenta devono essere rinnovate, allora è di scarsa utilità iniziare a dipingere le stanze».

La lista Pilz identifica una «politica educativa retrograda». Non abbiamo bisogno di più standard, più burocrazia e linee guida per le scuole, ma dobbiamo promuovere l’apprendimento autonomo e individuale «, ha affermato la portavoce dell’istruzione Stephanie Cox. Ha accolto con favore l’introduzione dei controlli del talento in linea di principio, ma questi non dovrebbero essere utilizzati come base per la scelta di può essere utilizzato per un’ulteriore carriera scolastica.

Leggi le notizie gratuitamente per 1 mese ora! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

»

Ines Stilling prende il sopravvento nel gabinetto

Piccola birra

le agende femminili e familiari del suo predecessore Juliane Bogner-Strauss. Un ritratto dell’avvocato che viene dalla Cancelleria.

  • Nome: Ines Stilling
  • Nato: 10. Agosto 1976 a Graz
  • Età: 42
  • Stato civile: non noto
  • Formazione: Laurea in giurisprudenza presso l’Università Karl-Franzens di Graz

Ines Stilling, il nuovo ministro per le donne e le famiglie, proviene dalla sezione per gli affari delle donne e l’uguaglianza della cancelleria. L’avvocato ha fatto carriera sotto i capi dipartimento rossi Doris Bures, Heidrun Silhavy e Gabriele Heinisch-Hosek. Ha inoltre maturato esperienza professionale presso la Camera del Lavoro e Siemens AG, nonché presso una società di revisione.

© APA / Fohringer Ines Stilling sulla sua inaugurazione con il presidente federale Van der Bellen

Consulente presso la Camera del Lavoro

La 42enne ha studiato giurisprudenza presso l’Università Karl-Franzens nella sua nativa Graz. Successivamente, si è trasferita nel settore privato come responsabile delle risorse umane e controllo presso un gruppo di vendita al dettaglio internazionale. Dal 2003 al 2007 è stata consulente nel dipartimento di diritto del lavoro con particolare attenzione alla protezione della maternità e all’assegno per l’infanzia presso la Camera del lavoro di Vienna.

Esperto tecnico presso l’ufficio Bures

La chiamata alla politica di Stilling è arrivata nel 2007, quando è diventata specialista nel campo del mercato del lavoro e della riconciliazione nell’ufficio del ministro per le donne Bures. Dal 2008 al 2009 è stata consulente per il settore del mercato del lavoro e della riconciliazione nell’ufficio del ministro per le donne Silhavy, poi sotto il ministro per le donne Heinisch-Hosek, di cui ha diretto l’ufficio fino al 2012. Da allora, Stilling è stato il capo della sezione per gli affari delle donne e l’uguaglianza nella Cancelleria federale.

Stilling è considerato una «sinistra pragmatica» e un sostenitore del mainstreaming di genere, come riportato da wienerin.at.

Leggi le notizie gratuitamente per 1 mese ora! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

»

L’FPÖ vuole il

Affare sulle presunte email di ÖVP sul video di Ibiza

è accuratamente studiato. I dati di posta elettronica puntano anche ai provider ÖVP di oggi, il contenuto è ancora sconosciuto.

Come ha spiegato il segretario generale Harald Vilimsky nello «ZiB2», una task force con esperti forensi e criminologi dovrebbe essere istituita rapidamente per la questione della posta elettronica.

Per inciso, Vilimsky non avrebbe avuto problemi con un ritorno dal vecchio leader del partito

Heinz-Christian Strache

, se non è condannato nella vicenda Ibiza. Alla domanda se potesse essere il miglior candidato alle elezioni statali di Vienna nel 2020, il Segretario generale ha detto: «Perché no?»

«EU-Infothek» ha effettuato indagini sulla posta

Ci sono anche ulteriori informazioni sulle e-mail presumibilmente incriminanti e, secondo l’ÖVP, false sull’affare di Ibiza. Sono disponibili sul supporto online «EU-Infothek». Come ha confermato l’ÖVP, la richiesta è arrivata da questa piattaforma, che aveva segnalato più volte lo sfondo del video di Ibiza. La parte ha anche confermato che l’hosting provider, a cui si riferiscono i dati tecnici nelle e-mail, lavora per ÖVP — ma solo dal 2019.

I dati puntano ai fornitori ÖVP di oggi

Nella dichiarazione di Deloitte presentata dall’ÖVP come prova di un falso, si dice, tra le altre cose, che l’indirizzo IP (92.51.182.1) fornito nelle e-mail è registrato su hosteurope.de e non su wien.oevp.at. L’imprenditore e blogger viennese Michael Eisenriegler ha sottolineato lunedì tramite Twitter che l’effettivo indirizzo IP dell’ÖVP di Vienna (92.51.182.37) appartiene allo stesso intervallo di indirizzi.

Anche il sito web di Kurz è registrato con Host Europe

L’ÖVP ha confermato su richiesta dell’APA che hosteurope.de lavora per l’ÖVP Vienna. Tuttavia, questo è accaduto solo da quando il nuovo indirizzo Internet (https://neuevolkspartei.wien) è entrato in funzione nel maggio 2019 — si dice che le presunte e-mail ÖVP siano del 2018. Inoltre, dietro questo indirizzo c’è solo un server web, non un server di posta. Secondo una richiesta del servizio di registrazione Internet austriaco nic.at, anche la pagina personale proviene da

Sebastian Kurz

(sebastiankurz.at) registrato con Host Europe.

La piattaforma EU-Infothek si è rivelata lunedì come il mezzo che ha chiesto all’ÖVP informazioni sulle presunte e-mail incriminanti. Il contenuto verrà segnalato solo quando è possibile escludere un falso, si legge (http://shorturl.apa.at/cgi-bin/SuMgr).

Contenuti sconosciuti

Il contenuto delle e-mail è sconosciuto. Secondo le informazioni del vicepresidente, suggeriscono che il leader del partito Sebastian Kurz e il suo confidente Gernot Blümel fossero già stati informati del video nel 2018. L’ÖVP parla di fake e si vede confermata da un’indagine forense dei dati da parte della società di consulenza. Nella dichiarazione pubblicata al riguardo, tuttavia, vengono evidenziate delle incongruenze — ma non vi è alcun riferimento esplicito al fatto che le mail siano falsificate.

Leggi le notizie gratuitamente per 1 mese ora! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Commenti

Registrati

Connettiti con facebook

»

Il capo dell’ÖVP ha ricevuto una campagna di tipo diverso

Sebastian Kurz

domenica alla Wiener Stadthalle: 10.000 cristiani hanno pregato per lui.

Sebastian Kurz è attualmente in tournée nel paese

, per non fare campagna, ma per “tenere colloqui” con la popolazione. Un’altra tappa della domenica è stata la Wiener Stadthalle, dove si è svolto in diversi giorni il grande evento ecumenico “Awakening Austria”. Cristiani cattolici, protestanti ed evangelici si riuniscono qui per diversi giorni.

«Padre, ti ringraziamo tanto»

Il capo dell’evento, Ben Fitzgerald, ha improvvisamente acconsentito a una preghiera per il leader turchese del partito quando ha visitato: “Padre, ti ringraziamo tanto. Per la saggezza che gli hai dato. Per il cuore che gli hai dato per il tuo popolo ”. E anche per una «leadership equa» è stata pregata e breve «legalità è stata elogiata, come riferiscono i media.

L’idea spontanea del predicatore

Kurz ha ringraziato i partecipanti alla preghiera ed è rimasto colpito dall’immagine dei partecipanti riuniti provenienti da 45 paesi. La preghiera è stata un’idea spontanea di Ben Fitzgerald, ha spiegato in seguito il portavoce di Kurz Etienne Berchtold via Twitter. «Awakening Europe» è stata fondata da Fitzgerald, che egli stesso afferma di aver incontrato Gesù come ex spacciatore di droga.

La preghiera è stata un’idea spontanea di Ben Fitzgerald come parte di questo evento ecumenico.

@sebastiankurz

è spesso ospite di eventi religiosi, come cattolici, evangelici luterani, ortodossi, aleviti o buddisti ecc., com’è oggi

— Etienne Berchtold (@ebphilipp)

16 giugno 2019

Molte critiche

Kurz e gli organizzatori del grande evento hanno dovuto sopportare alcune critiche sui social media, anche dalla chiesa. La direttrice della Diakonie protestante, Maria Katharina Moser, ha messo in guardia contro un «abuso della preghiera» ai fini della campagna elettorale: «Le chiese dovrebbero stare attente a non lasciarsi imbrigliare dal carro del partito, indipendentemente da quale partito», ha scritto su Twitter. E il suo collega della Caritas cattolica, Michael Landau, ha fatto riferimento alla messa in scena sul palco aperto semplicemente al comandamento del Vangelo di Matteo di pregare in privato («Ma tu vai nella tua camera quando preghi e chiudi la porta» ) — «Non c’è niente del municipio».

«Ma tu, quando preghi, entra nella tua stanza, chiudi la porta; poi prega tuo padre che è nel segreto! Tuo padre, che vede anche ciò che è nascosto, ti ricompenserà.» (Mt 6,6) — Non c’è niente del municipio. Eccolo

@ MathiasB89

completamente corretto.

https://t.co/EzCVLSNNi3

— Michael Landau (@mlcaritas)

16 giugno 2019

Il cardinale Christoph Schönborn, tra gli altri, si era esibito al grande evento. L’ex capo della NEOS Matthias Strolz ha reagito alla breve benedizione con le critiche alla Chiesa cattolica: «Come cattolico critico ai margini della chiesa, ieri ho preso un calcio nel culo», ha detto Stolz su Twitter. Non sa ancora come prenderla: «Ipocrisia, ambiguità, ingenuità, un incidente pop o un invito a smettere …»

Опубликовано в blog